GuidaMacropolis

  Orwell meglio di Nostradamus
- In 1984 il mondo è governato da tre super-stati del tutto indifferenziati dal punto di vista politico e ideologico. La loro funzione è quella di assicurare un continuo stato di guerra.

- In 1984 l'unica forma di pensiero ammessa è il bispensiero, fondato sulla esigenza che la mente si adatti mitemente alla realtà definita dalla cultura dominante e cancelli ogni dato divergente e ogni forma di obiezione.

- In 1984 la gente si esprime tramite la neolingua, un linguaggio che ha bandito i vocaboli 'scomodi' e che ha spogliato ogni termine di qualsiasi accezione multipla.

In 1984 ogni ambiente è dotato di un teleschermo che trasmette 24 ore al giorno, ed i 'prolet' (comuni cittadini) quasi mai spengono l'apparecchio.

- In 1984 i teleschermi trasmettono senza tregua frasi di questo tipo: I prolet e gli animali sono liberi. La guerra è pace. La libertà è schiavitù. L’ignoranza è forza.

- In 1984 tutti i luoghi (sia pubblici che 'privati') sono disseminati di trasmettitori che monitorano qualsiasi attività umana, per prevenire qualsiasi crimine.

- In 1984 stormi di elicotteri silenziosi sorvegliano le masse allo scopo di tenere alta la percezione di una stretta ed infallibile sorveglianza.

- In 1984 le masse sono controllate mediante la psico-polizia, un complesso apparato che analizzando i comportamenti degli individui monitorati attraverso i trasmettitori di cui sopra, riesce a prevedere e perseguire un crimine prima ancora che sia commesso (oggi si parla di sistemi informatici sperimentali che pretenderebbero di fare qualcosa di simile).

- In 1984 giochi e lotterie sono organizzate in modo tale che non vinca (quasi) mai nessuno. La loro reale funzione consiste nel raccogliere reddito per lo Stato e infondere nelle masse un sentimento di speranza verso una inesistente via d'uscita.

- In 1984 i prolet sono continuamente sottoposti e influenzati da miriadi di finti dati statistici, sondaggi, previsioni economiche presentati come notizie legittime e veritiere, ma che in realtà servono a infondere nei singoli individui la percezione di un diffuso consenso goduto dal sistema vigente.

- In 1984 la 'storia' è tramandata attraverso la riscrittura degli eventi ad opera del Ministero della Verità, con il fine di convincere le masse ad accettare che lo status quo derivi da una successione di eventi storici logici e conseguenziali.

- In 1984 il Ministero della Guerra è stato ribattezzato Ministero della Pace (nella realtà: Ministero della Difesa).

- In 1984 non esistono periodi di pace. Quando una guerra si conclude, ne inizia subito una nuova per mantenere attiva la rotazione del meccanismo militare. (fonte)