E di nuovo Route

Spingerò i miei passi sulla strada,
passerò tra i rovi e l'erba alta,
la gioia mi ha trovato, la pienezza,
non starò qui seduto ad aspettare.

Viene il giorno in cui ti chiedi
a te stesso dove voli,
viene il tempo in cui ti guardi
e i tuoi sogni son caduti,
è il momento di rischiare,
di decidere da soli
non fermarsi a lottare
per non essere abbattuti.

Sulle spalle una mano
che ti spinge a trattenere,
vuol fermare l'avventura,
ma ritorno a camminare,
ho incontrato troppa gente
che mi ha dato senza avere,
voglio dare queste braccia,
non c'è molto da aspettare.

E' parola come vento:
tra le mani quella stretta,
gli uni gli altri nell'amore,
non avere che un canto.
Questo tempo non ha niente
da offrire a chi aspetta,
prende tutto prende dentro,
sai fin dove non sai quanto.

Non è la strada di chi parte
e già vuole arrivare
non è la strada dei sicuri,
dei sicuri di riuscire,
non è fatta per chi è fermo,
per chi non vuol camminare,
è la strada di chi parte
ed arriva per partire.

Home

> Indice

© 1996-2000: Testi ospitati da SCOUT's ON LINE.
© Ogni testo appartiene ai rispettivi autori - Tutti i diritti sono riservati.